Storia Della Citta Catanzaro
Catanzaro-Stemma.png

La leggenda dice, che i due condottieri bizantini Cattaro e Zaro hanno fondato la città nel 804 dopo Cristo, da cui deriva il nome Cattarozaro, in seguito Catanzaro. La città era una fortezza contro le invasioni saracene.

Però i Saraceni hanno potuto occupare la città bizantina aglio inizio dello X secolo, perché volevano fondare un emirato e prendevano il nome arabo di Qatansar. Nel 1059 il normanno Roberto Il Guiscardo ha conquisto la città. In quest’epoca la città conosceva una fioritura d'arti e dei mestieri, e in particolare la lavorazione della seta, scambi commerciali con le altre regioni d'Italia e con i paesi orientali ed europei.

Nel 1519 Carlo V ha nominato la città, gli "Statuti dell’Arte della Seta". Anche ha dato alla città lo stemma. Questo rappresenta un'aquila coronata che sovrasta i tre colli della città di Catanzaro e recante la scritta "sanguinis effusione" che ricorda la valorosa impresa dei catanzaresi che difesero eroicamente la città dall’assedio. Nel 1593 si è nominata la città per il capoluogo della provincia Calabria fino al 1816.

Dopo medioevo era un periodo di declino. La città si è ristabilito di nuovo fino da 1800. In questo modo Catanzaro era un centro commerciale per il frumento, olio e vino.

La sua importanza per tutto il territorio regionale ha avuto la conferma nel 1970, anno in cui ha nominato capoluogo della regione Calabria.

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License